Finali Monofonici single ended 845

Questo è un progetto premium che mi è stato commissionato da “D.P.”, si voleva un con valvole 845 che fosse ben progettato dalla circuiteria pulita senza montagne di roba inutile, il circuito molto semplice utilizza una 6EM7 per pilotare la 845, il tridolo piccolo nella sezione di ingresso e il triodo da 10watt che pilota la 845, l’alimentazione del driver è ottenuta a parte con rettificatore a vuoto GZ34 mentre l’alimentazione della 845 è a diodi, è presente un piccolo tasso di controreazione per portare il fattore di smorzamento ad un minimo sindacale, che si può anche scollegare (se proprio si vuole rovinare un buon circuito). La potenza erogabile indistorta è di 20Watt RMS per canale, 25Watt RMS in prima che subentri il clipping (non considero e non cito la potenza massima in clipping totale da onde quadre di 30 o oltre 30watt, perchè non ha senso citarla se non per scrivere numeri grossi per attirare i clienti). L’alimentazione anodica sia del driver che della finale sono filtrate con induttanza, la tensione di alimentazione del filamento della 845 è anch’esso alimentato in continua con cella CLC con la sua induttanza dedicata.

Rispetto altre cose che si vedono in giro ho ottimizzato molto bene la sezione driver per erogare fino a fondo lo swing necessario per pilotare la griglia della 845 con un’impedenza abbastanza bassa per non causare problemi. Circuito ottimizzato con un solo doppio triodo per pilotare la finale, ricordate che ogni stadio in più aggiunge distorsione (non si possono vedere qui tappeti di 5/6 valvole per pilotare una sola finale in SE).

La 845 al contrario della 211 è una che richiede un pilotaggio in sola griglia negativa, quindi la griglia di per sè non assorbe corrente se non per la capacità parassita rappresentata dall’effetto miller che non è poi così gravosa se si utlizza un driverino che lavori con quei 30/40mA di corrente di bias, quello che serve per pilotarla bene è invece un grande swing di tensione. Negli schemi che si trovano in giro fatti da progettisti poco capaci invece si trova spesso la 845 pilotata da una povera magari con le 2 sezioni in parallelo ma che mai riuscirà nè a fornire abbastanza swing di tensione nè ad uscire con un’impedenza abbastanza bassa per non venir disturbata dall’effetto miller della finale (retrocessione di segnale che per altro si tramuta in un NFB locale all’insaputa di questi poveri che magari decantano le doti sonore dei circuiti zero feedback).

All’estremo opposto dei driveraggi rachitici poi trovi quelli che uccidono le mosche col bazooka, gente che usa EL34/KT66/KT88 connesse a triodo, 211 o addirittura altre 845, come se la corrente che scorre in questo driver possa servire a qualcosa, a parte a fare del caldo, visto che la griglia della 845 vuole vedere un movimento di tensione… Poi magari detti driver manco ce la fanno ad erogare tutto lo swing di tensione necessario perchè magari calcolano male il loro carico e la tensione necessaria ad alimentarli.

Questo progetto può montare unicamente la 845, non per essere un bastian contrario, ma solo per divulgare informazioni corrette la 845 e la 211 sono 2 valvole molto diverse tra loro, se le si vuole pilotare in sola A1 richiedono carichi diversi, tensioni diverse, diverse impedenze di carico (la 211 circa il doppio della 845) e diverse polarizzazioni di griglia, per non parlare se si vuole pilotare per intero la 211, come questa valvola prevede in un misto A1/A2 è necessario realizzare un driver DC che possa pilotare la griglia anche in positivo, erogando la corrente che richiede senza distorcere. Quindi non di sicuro uno stadio che esce di anodo accoppiato con un condensatore, visto che in un condensatore non può scorrere corrente continua, non importa quanto grossa sia la valvola driver. È esilarante raccontarvi che una volta mi hanno portato un cassone che puzzava pure dopo un pò che era acceso, venduto a diverse migliaia di euro cui la casa madre assicurava che si potevano montare sia 845 che le 211 così al volo, non c’era da modificare o tarare niente perchè era in bias automatico, l’impedenza del era adatta alla 845 e il driver (valvola finale abbastanza grossina) uscisse di anodo e fosse accoppiato appunto con un condensatore. Il morale della favola è che se davvero ci montavi la 211 lo spazio di movimento prima che la griglia della finale arrivasse a 0 era pochissimo e ovviamente il driver non poteva fisicamente spostare la griglia in positivo, ne risultava un fortissimo clipping della sola semionda positiva quasi immediatamente (tipo 1 o 2 watt prima che tagliasse), ne derivava che quindi si potevano ascoltare solo i concerti di Joseph Pujol, altri generi musicali erano preclusi per incapacità circuitale a produrre suoni con entrambe le semionde, quindi state sempre attenti a questi guru markattari che affermano che puoi cambiare la 845 con la 211 come se niente fosse.

La buona notizia è che questo progetto con delle semplici piccole modifiche, ossia sostituzione del trasformatore d’ con un’altro e modifiche circuitali minime può essere adattato ad ospitare la 211 in sola A1 per erogare probabilmente non più di 15 watt, in questo caso però poi potrà essere usato unicamente con la 211.

Nota: l’immagine è puramente simbolica. Il set completo di trasformatori per realizzare i 2 monofonici con la 845 che comprende:

2x trasformatori di alimentazione dedicati a questo progetto.
2x trasformatori d’uscita SE SE6K-845
2x induttanza 15S55
2x induttanza 15S58
2x induttanza 17S71

Imballaggio e spedizione totale €798,00 se siete interessati contattatemi.

Chi volesse la variante con la 211 me la può richiedere come premium a parte, il trasformatore d’uscita sarebbe l’ SE211-A1 da 12k primari.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments