Single Ended 6GE5 – “Resurrect garbage with style”

Un giorno ricevo un messaggio da “R.O.” che mi fa domande riguardo un “bellissimo” amplificatore “, hi-end, zero ” prodotto da uno dei tanti guru delle che circolano per l’italico stivale, perchè ovviamente non suonava bene e voleva farmelo vedere per valutare come sistemarlo… Me lo porta ed ecco un’altro impresentabile in tutto il suo splendore…

A parte un potenziometro volante messo da R.O. per cercare in qualche modo di regolare il volume in un circuito che ovviamente non è stato calcolato in nessuna delle sue parti e che guadagnava troppo, il resto è farina del guru compresa la disposizione di sbieco delle valvole che mal predisponeva un cablaggio ben fatto anche fosse stato in grado di cablare. Una con le placche che arrossavano tanto era tirata (vetro affumicato, bordo dello zoccolo cotto). Ovviamente per far suonare bene un circuito non serve farci di conto ma basta riempirlo di condensatori e valvole costose…

Come una coppia di KT88 Full Music che in 40 minuti circa di funzionamento si sono ridotte al 60% di emissione… 250€ di valvole da gettare nel pattume… Mi sembra doveroso dire a tutti di non spendere soldi in condensatori galattici e valvole preziose su apparecchi del genere perchè non solo gettate soldi nel gabinetto senza andare da nessuna parte, ma nel caso siano valvole NOS (in questo caso no per fortuna) sprecate bellissime valvole fuori produzione e che andranno a esaurirsi prima o poi per montarle su dei veri e propri trabicoli, vale anche per molti amplificatorini cinesi in condizioni di originalità di fabbrica, non gettateci soldi!

Ho guidato “R.O.” verso un nuovo progetto cercando di recuperare tutto il recuperabile visto che quel trabiccolo era comunque una miniera di pezzi che si potevano riutilizzare. I d’uscita erano indecenti e quello di non era adatto ad alimentare un’altro KT88 ho quindi pensato a qualcosa di più modesto, senza valvole prestigiose ma che potesse suonare bene e sono caduto sulla proposta di realizzare un con delle compactron 6GE5 equivalenti con diversa zoccolatura della 6DQ6B e utilizzando come driver delle semplici PC86, qui sotto lo schema premium ormai censurato al 100% (assieme a tutti gli altri) perchè non ha limiti l’assurdità delle persone che provavano a copiare i miei schemi anche se non si leggevano i valori dei componenti solo per risparmiare 50€ comprando dei trasformatori da altri siti e poi  avevano la faccia tosta di  venir a chiedermi come farli funzionare!

Se volete lo schema lo comprate assieme al set di trasformatori. Ma vediamo come “R.O.” ha upgradato col mio aiuto il suo rottamino. Ho realizzato una coppia di trasformatori SE da 6k primari dedicati alla 6GE5 sperimentando un nuovo tipo di lamierino per l’occasione (che potete già trovare a listino). L’amplificatore è stato completamente demolito, sono state realizzate nuove piastre di montaggio conservando il vecchio mobile che è stato decerato e lucidato a gomma lacca (insegno al guru che non si da la cera sopra al legno grezzo, prima devi laccarlo se no diventa una colla di sporco inguardabile…). Ho realizzato per “R.O.” anche diverse parti decorative con la stampa 3D per cercare di abbellire quel mobiletto. Ho poi collaudato il circuito e fatto qualche foto del montaggio:

Come suona? bassi molto profondi e grande apertura, ma che caratteristiche tecniche esibisce?

Potenza: 6,25Watt RMS per canale
THD: 0,57% @ 1 watt
: 7Hz / 60khz -1dB
DF: 6,66

Grafico di banda passante su carico resistivo

E su carico reattivo

Analisi di spettro a 1watt

Quadra a 100Hz / 1k / 10k

Nel video qui sotto ho ripreso la sinusoide ancora perfetta e dritta a 7Hz @ 1 watt, incredibile, un risultato quasi esagerato…

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto
Roberto
2 mesi fa

Salve sono Roberto, il proprietario dell’ampli in questione. Quando acquistai l’ampli originale ero contento, era il mio primo valvolare e mi pareva chissà che. Avevo preferito prenderlo da un sedicente autocostruttore-riparatore che millantava esperienza a iosa (sigh) piuttosto che prendere una cinesata. Mi sono fatto infinocchiare per bene, preso dalla smania di avere un valvolare 🙁 . Cambiai le valvole, dato che chi lo aveva fatto mi disse che le altre erano vecchie, e qualche altro componente. Ma i nodi vennero presto al pettine, cominciarono ad esserci malfunzionamenti e ad un certo punto si ammutolì. Decisi quindi di rivolgermi a Stefano. Avevo letto il suo sito e mi colpì la sua “politica di azione”. Parlandoci al telefono poi si è rivelato non solo ultra-competente, ma anche una persona alla mano e cordiale. Mi spiegò il da farsi, e la sua idea di fare qualcosa un pò fuori dagli schemi. Gli diedi carta bianca in pratica per il progetto premium. Parliamo ora dell’amplificatore, guardandolo da fuori impressionano le dimensioni dei trasformatori che ha prodotto, ben più grossi dei precedenti. Soprattutto incuriosiscono le 6ge5, piccole e cicciotte, quasi spariscono al confronto con i TU alle loro spalle ed esteticamente non appagano l’occhio come le kt88 che c’erano prima, ma non è quello il loro scopo. Quello che devono fare lo fanno ..e benissimo!
Il mio impianto è composto da lettore dvd Meridian 596, diffusori a torre 2 vie autocostruiti con componenti Dynaudio Esotec (D260 e 17w75LQ) pre Belles Soloist 3, cavi QED reference Audio 40, VDH 102MKIII e Supra PLY 3.4. Il precedente ampli (ora di riserva) è un ONIX A-120 MK1 upgradato.
Appena ho ascoltato l’SB-625 (lo chiamerò così) sono rimasto spiazzato. Il suono era diverso, all’inizio sembrava come se mancasse qualcosa, ma non era così. C’era tutto ma ora si sentiva diversamente. Tutto si è ripulito, c’è tanto dettaglio e la scena si è ampliata , si percepisce l’aria tra gli strumenti, tutti ben focalizzati. Le voci naturalissime sono il suo forte e i bassi presenti, profondi e frenati. Nonostante i miei diffusori non siano certo ad alta efficienza l’SB-625 le pilota alla grande, anche a volume sostenuto. L’ho provato con vari generi pop, rock, jazz etc ed ha parecchia stoffa. Certo che a vederle quelle valvoline non gli daresti due soldi e non ti aspetteresti mai che siano così musicali e dettagliate. Ogni giorno che passa va sempre meglio. Scopro sfumature e particolari che prima faticavo a cogliere e non affatica mai. Sono curioso di provarlo con qualche diffusore più efficiente, di certo avrà da dire la sua 😉 . Sono davvero soddisfatto! Voglio ringraziare Stefano per il suo lavoro e la sua gentilezza!

Stefano Cairoli
Stefano Cairoli
3 mesi fa

Molto bella l’idea di usare valvole trascurate dai “guru” e bello anche il fatto che si parli seriamente e in modo documentato di controreazione e di smorzamento