Controllo dei Toni valvolare a 3 vie

“S.C.” dopo aver realizzato con pieno successo l’integrato pushpull di PL508 connesse a triodo e il mini usb DAC mi ha chiesto di realizzargli lo schema per un controllo di toni più loudness valvolare che possa essere posto nel mezzo tra i DAC e il finale. Ne approfitto per parlare delle Tchoke che ho a listino, piccole induttanze dedicate a questo lavoro.

Di schemi di controlli di tono a valvole su internet se ne trovano diversi ma tutti fanno uso solamente di filtri RC variabili che prevedono l’uso di potenziometri e resistori di valori molto elevati (220k/470k/1Mega o più) il difetto di questi schemi è che lavorando con resistori di valori così elevati escono con impedenze altrettanto alte e sono molto soggetti a captare disturbi e rumori elettrici e quindi richiedono di essere costruiti molto bene e ben schermati, inoltre il livello di segnale che esce da questi circuiti è in genere molto basso e richiede sempre uno stadio di amplificazione posto in uscita per rialzare il livello di segnale ad un valore utilizzabile.

Utilizzando induttanze al posto delle resistenze e creando filtro LC invece che RC la cosa migliora di molto perchè si possono usare potenziometri di valore inferiore, tutto il circuito lavora con correnti maggiori e impedenze più basse, diminuisce molto la sensibilità ai disturbi e il livello del segnale in uscita del filtro risulta molto più alto rispetto ad altre soluzioni, qui sotto potete vedere in chiaro un’esempio di filtro toni a 3 vie realizzato utilizzando le Tchoke e richiede di essere pilotato da uno stadio che ha una Zout di 7,2K:

Questo è il grafico che indica la risposta ai vari controlli:

Lo schema premium che ho realizzato per “S.C.” ha in ingresso un potenziometro ALPS con presa fisiologica per realizzare il loudness, seguito subito dopo dal triodo di una ECC82 che amplifica il segnale e pilota la rete dei toni, il circuito formato dalla ECC82 + controllo dei toni ha un guadagno di 1,6dB, la dove con un controllo di toni convenzionale con solo resistenze sarebbe uscito attenuato forse anche di una decina di dB, quindi il circuito risulta molto semplificato. Posto dopo il controllo dei toni, per scrupolo, ho messo uno stadio buffer con un’altra ECC82 e tutto finisce qui. La sezione di alimentazione è a diodi con cella CLC. Chi volesse realizzare questo progetto sappia che è possibile cambiare le ECC82 con le 6SN7 / 6CG7 / 12BH7 / 5814 / 6189 / 6350 e l’infinità di valvole a basso mu (20) che ci sono e non ho mezionato, ed è possibile utilizzare una piccola valvola raddrizzatrice al posto dei diodi, tipo 6X4. È possibile anche avere un guadagno maggiore, facendolo diventare non solo controllo dei toni ma anche preamplificatore.

Questo lo schema premium

Chi fosse interessato all’acquisto dello schema premium + trasformatore di alimentazione e induttanza per realizzare questo progetto mi può contattare.

Continue reading...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Preamplificatore / DAC + RIAA MM con uscita a trasformatori basato sulla valvola 6BX7 / 6BL7

Per questo progetto, frutto del secondo lock down, ho preso spunto da diverse cose e da diverse esperienze, ho miscelato l’esperienza del granny27 e del nibiru per ottenere un preamplificatore DAC con uscita a trasformatori, similmente al vecchio progetto euridice ma con una marcia in più perchè sono riuscito a sfruttare (grazie all’esperienza maturata su nibiru) un’effetto di suono tridimensionale o palcoscenico controllato  e ottenuto combinando volutamente l’effetto di un’elemento induttivo (nel nibiru era un’induttanza, qui un trasformatore) e di un blando ma preciso tasso di controreazione, calibrato per non essere troppo poco e dare un suono slabbrato o sfocato da circuito zero feedback nè essere troppo elevato e schiacciare tutti gli strumenti contro la parete, ma la giusta via di mezzo tra tridimensionalità e messa a fuoco dei suoni per diventare godibile senza andare in contro a sporcature, quel moderato, ponderato e positivo uso della controreazione che tutti quelli che continuano a sbandierare lo zero feedback non capiranno mai. Questo progetto lo pubblico come premium.

Per non andare in contro ai problemi che ho avuto sul granny27, che alla fine è stato caricato con un CCS a transistor, suonando anche molto bene ma non facendo quello che volevo, ho utilizzato una valvola con una resistenza interna più bassa, una 6BX7…

La 6BX7 (e il suo ecquivalente 6BL7) è un doppio triodo di potenza, ha la stessa zoccolatura della 6SN7 ma può dissipare 6watt per ogni placca e ha una resistenza interna di 1300ohm e un Mu di 10, assomiglia abbastanza alla sezione di potenza di una 6EM7, questa valvola è adatta per fare amplificatori da cuffia, preamplificatori linea, finali con potenze molto piccole o come driver per valvole molto grosse come 300B / 845 ad esempio. Per questo progetto ho realizzato un nuovo trasformatore interstadio l’ i12K600

Questo trasformatore ha un primario da 12k e un secondario da 600ohm con presa centrale, e sopporta una corrente dc di 10mA, è possibile utilizzarlo con valvole che abbiano una Ri da 1700ohm a scendere, cito quindi le 6BX7 – 6BL7 ma anche le 5842 e la 417a, nel mio caso avendo già a disposizione un segnale forte proveniente da un DAC ho quindi preferito la 6BX7, con il suo basso mu e il fattore di discesa del trasformatore sono riuscito a dare a questo pre un guadagno quasi unitario nonostante la valvola amplifichi realmente, quindi dia al suono il suo carattere decisamente bello (non come tutti quegli inutili buffer da 2 soldi che vendono su internet con la valvola collegata ad inseguitore messa li solo per far mostrina mentre pugni di opamp fanno il lavoro vero e proprio).

Per fare qualche esperimento ho inserito nel pre oltre a un DAC anche un preamplificatore a jfet che usa dei BF256 e dei 2SK170, c’è quindi un commutatore che permette di passare dal DAC al pre fono ad una presa AUX per sorgenti esterne.

Per iniziare ho costruito l’alimentazione in un telaietto separato, per poter allontanare il trasformatore di alimentazione dagli interstadio in modo da non introdurre ronzii (problema che ebbi con il granny27). L’alimentazione anodica l’ho ottenuta con una piccola 6X5GT in quanto la corrente massima assorbita dallo stadio con la 6BX7 è di 20mA media e costante lavorando in classe A la 6X5GT è assolutamente dimensionata in modo corretto potendo erogare fino a 70mA non è per niente tirata per il collo, durerà a lungo ed è possibile utilizzare una valvola NOS reperibile a basso costo, in quanto snobbata dalle masse perchè i guru gli raccontano che per alimentare i 5/10mA di 6SN7 serve almeno una 5U4GB o una GZ34 con dei 470/1000uF di condensatori dopo “perchè la valvola ha bisogno di corrente” ovviamente nemmeno sanno la differenza tra corrente e tensione o cosa sia la resistenza di uscita di uno stadio, che nulla ha che vedere con quanto sia grossa la valvola raddrizzatrice che hai usato.

Dopo la 6X5GT ho messo una cella CLC, come nel granny, fatto con un vecchio condensatore a vitone NOS philips le cui caratteristiche elettriche fanno impallidire molti condensatori moderni (anche audio grade), per sfizio poi visto che volevo il silenzio assoluto dal punto di vista strumentale ho voluto sopprimere il poco ripple rimasto (10/20mVpp) con un moltiplicatore di capacità che si vede a sinistra dopo il ponte raddrizzare verde che invece raddrizza l’alimentazione a 24volt del pre riaa.

Mio personale godimento nell’usare vecchi componenti: nel moltiplicatore di capacità assieme al BUX85G si può vedere un vecchio BC207 NOS, nel video qui sotto si può vedere il lavoro del moltiplicatore, scala dell’oscilloscopio 20mV quadretto (quindi il rumore residuo è comunque molto poco), la traccia in basso è quella prima del motiplicatore, la traccia in alto quasi piatta è quella dopo il moltiplicatore. Le ondulazioni a bassa frequenza che si osservano sono assestamenti della tensione di rete e sono da ignorare, il moltiplicatore non è uno stabilizzatore.

Passando invece al telaio del pre vero e proprio, si vede l’anodica disaccoppiata da una cella RC formata da una resistenza da 22ohm e un condensatore carta olio NOS da 2,5uF della migliore qualità, uno sprague di quelli destinati all’aviazione che ha le viti per essere bloccato al suo posto e non strapparsi dal circuito con la forza di accelerazione.

Forse non tutti sanno che i carta olio in audio andrebbero usati così, sulle alimentazioni danno il loro meglio, messi lungo il segnale o ancora peggio nei crossover tendono a cancellare asprità ma anche parte del dettaglio sonoro, in gamma alta sopratutto…

Il trimmerone che si vede in questa foto serve per bilanciare perfettamente i 2 canali, essendo la tasso di NFB molto basso (circa 2dB) e per quando la valvola possa avere la 2 sezioni matchate non sarà mai perfetta, quindi ho messo questo trimmer per regolare sotto oscilloscopio i 2 canali perfettamente allo stesso livello. Per farlo non ho toccato il segnale di ingresso, per non introdurre disturbi, ma ho fatto un bilanciamento fine sul segnale di NFB, in modo da portare il guadagno dei 2 triodi ad esattamente lo stesso livello.

La 6X5GT

Strumentali: La distorsione anormica del circuito è dello 0,78% con un’uscita di 8Vpp (oltre il massimo che viene normalmente erogato, 6Vpp quando lavora con il DAC) e la banda passante è 30Hz / 35khz -1dB sempre alla stessa ampiezza.

Come suona

Ho fatto qualche esperimento con i bypass degli elettrolitici di catodo della 6BX7, provato polipropilene, acetato di cellulosa etc… ho trovato il mio optimus con il polipropilene (preferisco tanto dettaglio), suono ricco e piacevole, la gamma alta è frizzante, ottima separazione, voci ben focalizzate al centro della stanza, e buon palcoscenico. Sono pienamente soddisfatto.

Continue reading...

7 risposte a Preamplificatore / DAC + RIAA MM con uscita a trasformatori basato sulla valvola 6BX7 / 6BL7

  • Se pensi che l’NFB elimini tutte le distorsione ti sbagli, non è una cura magica, ti elimina una certa distorsione ma te ne crea altra diversa, ti abbassa armoniche basse e te ne fa spuntare altre più piccole in alto, genera intermodulazioni etc e succede sopratutto quando ci sono rotazioni di fase. Gli induttori sopratutto introducono delle distorsioni sui transienti e possono creare sensazioni sonore di tridimensionalità posticcia, che non erano presenti nel segnale di origine e che colorano il suono come piace a tanti audiofili. La controreazione in un tale circuito tende ad eliminare questi effetti posticci e quindi erroneamente molti audiofili affermano che la controreazione calcella cosa dal segnale, ma cerca di cancellare cose che non c’erano, quindi di coreggerle, con nibiru io dosavo questo livello. Succede anche che se però in un tale circuito la controreazione è troppa avvengono delle interazioni con l’elemento induttivo in primis per cui il suono diventa brutto al punto che è meglio eliminare del tutto il circuito, ossia la controreazione ha eliminato alcune cose che non dovevano esserci ma ne ha introdotte altre che sono anche peggio e succedeva sempre con nibiru se regolavo il tasso di NFB troppo alto, di queste cose ho già parlato su quell’articolo e mi sto ripetendo. Io purtroppo non ho lo strumento che mi permetterebbe di produrre dati tangibili di questa cosa perchè costa troppo per le mie tasche, ma empiricamente ho fatto queste osservazioni, anzi dovrei dire ascolti.

  • perdona ma stiamo mischiando cose diverse, l’uso della nfb per diminuire le distorsioni e migliorare la fedeltà nella riproduzione dei bassi è hi-fi, aggiungere altro per avere un suono più piacevole non mi pare cada nell’hi-fi, altrimenti ti contraddici sul motivo per cui usi la nfb…

  • Ciò che è un’effetto è un’effetto, quindi non c’è nella registrazione, come mettere sale e pepe sulla bistecca per non mangiarla insipida… tutto questa trafila iniziata con nibiru ha lo scopo di dimostrare che non è il negative feedback a cancellare cose dal suono, ma (1) al contrario che è la sua assenza ad aggiungere cose che non ci sono, (2) che lo zero feedback porta con sè anche effetti deleteri tipo bassi slabbrati, e brutte distorsioni e impastamenti tutt’altro che piacevoli e che limitano l’amplificatore a poter pilotare solo dei monovia, (3) che con un uso sapiente della controreazione è possibile regolare e avere il controllo su questi fenomeni e trovare un punto di equilibrio tra effetti piacevoli e spiacevoli. L’effetto non è una cosa apocalittica, si sente è bello, non è fastidioso ma ci vuole anche un’ambiente di ascolto corretto per apprezzarlo, per dire in un’ambiente con casse buttate come capita non si riesce a capire cosa fa nibiru.

  • Ma usi una traccia di riferimento che sai come deve suonare? Perché altrimenti non rischi di dare un effetto 3d a tracce che di suo non ne hanno?

  • provando, ho modificato i valori delle resistenza attorno al segnale di NFB 3/4 volte prima di trovare quello che mi sembrava meglio, essendo cmq un pre che non ha carichi reattivi ma vede una resistenza pura non è critico, alla fine il tasso di NFB ottimale di questo circuito è tipo 1,4/2dB…

  • non ho capito come stabilisci la giusta via di mezzo tra tridimensionaltà e messa a fuoco…

  • Complimenti Stefano, leggere i tuoi articoli e le descrizioni dei tuoi lavori è sempre un arricchimento di conoscenze. Metti anima , cuore e sopratutto competenza in tutti i tuoi progetti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gamma Acoustic Space Reference – Quando la mania di un guru sfocia nella follia…

In un’altro articolo ho già parlato degli impresentabili, che sono quegli apparecchi costruiti in malo modo da smanettoni della domenica, e ho parlato dei guru che prendono apparecchi che funzionano bene, sentenziano che non vanno e poi li rovinano. Questo Gamma Acoustic è diventato vittima di devastazione da parte di uno di questi personaggi che ha fatto un mix tra devastazione, impresentabilità e follia allo stato puro.

Mi è stato portato dicendo che “andava bene” ma “l’unico” (unico tra virgolette è doveroso) problema è che in certe condizioni aveva un fruscio fastidioso… Quindi ho iniziato a dargli una misurata di massima… Un canale usciva con 9 watt massimi, l’altro canale usciva con 6watt massimi… il canale da 6 watt aveva un volume di 2dB più alto di quello da 9 watt (nessuno di quelli che lo hanno ascoltato, dicendo che andava “bene”, ha notato sbilanciamento destra/sinistra durante l’ascolto ?!).

Provo ad ascoltarlo… una tra le cose peggiori mai sentite… Torno al banco lo metto in condizione di frusciare ed era un’innesco a radio frequenza a 2,45Mhz, mica una roba da poco! Tra l’altro per mandare in auto oscillazione un circuito zero feedback bisogna essere veramente bravi (in senso negativo ovviamente), ma direi che quando hai un circuito che con 0,2Vpp in ingresso già e in clipping all’uscita questi problemi te li vai a cercare, il motto del progettista zero feedback à fare un finale che da solo potrebbe accettare in ingresso direttamente un microfono, ovviamente poi devi metterci dietro anche un preamplificatore perchè la preamplificazione non è mai abbastanza… un pò come riempire un bicchiere d’acqua sotto una cascata perchè si ha la convizione che sotto al rubinetto non si riesca ugualmente a riempirlo tutto. Prendo e lo apro per vedere cosa c’era dentro…

Dotato di regolare bacchetta magica, con i capelli luccicanti di polvere magica, corpetto aderente in vita e calzamaglia il Guru buono, dopo una striscia di bamba pomeridiana, ha montato pezzi nel peggior modo possibile poi uccise una borsetta in finta pelle del discount cinese per foderare l’interno dell’amplificatore e pose al suo interno una pietra incantata fatta con la resina catalitica e dei trucioli di metallo recuperati dal trapano a colonna… Tale pietra violacea e glitterata, lo sanno tutti gli audiofili, abbinata alla pelle di coccodrillo di plastica, cattura i fononi cattivi in quanto in comunicazione quantica attraverso un worm hole con una dimensione dove viaggia nel tempo e cattura il segnale direttamente dal microfono della cantante eliminando tutte le elaborazioni che il fonico ha fatto con i suoi strumenti satanici pieni di negative feedback, funziona prematurando come se fosse antani che se sei abbastanza OLISTICO potrai raggiungere il nirvana! (Le foto sono sfocate perchè l’energia sferica che usciva dalla pietra disturbava la fotocamera).

Mummiette all’ascolana e capelli d’angelo come fili di cablaggio, anche quelli dei filamenti dove passano degli ampere…

Per rendere il suono più disteso e rilassato

Un condensatore posto tra 2 masse a pochi centimetri una dall’altra…

La firma del guru ovviamente censurata, un ponte raddrizzatore a diodi che precede una povera valvola raddrizzatrice inutile, pensarteci quando leggete quegli articoli sulle riviste che comprate in edicola, a volte potrebbero essere scritti da questi personaggi.

Condensatori bucati con lo stagnatore a rischio di entrare in cortocircuito…

Questo ponde raddrizzatore aveva subito un trauma cranico, quindi ha subito la trapanazione del cranio secondo pratica medica risalente all’era egizia con lo scopo di dissipare la pressione intracranica e prevenire la morte dell’ascoltatore per commozzione cerebrale.

Perdonate se fin’ora l’articolo non è stato serio, ma molto satirico. Anche io ho bisogno di lasciarmi andare ogni tanto, queste cose in questo campo sono tutt’altro che rare, questa gente ha trasformato il settore in una pagliacciata e chi vi lavora in pagliacci è quindi doverosa la satira e l’allontamento di questi personaggi dalla scena che dovrebbe essere popolata da persone serie e capaci.

Per oggi è tutto, nelle settimane che verranno, con tanta pazienza, riporterò l’apparecchio ad una condizione di decenza…

Continue reading...

6 risposte a Gamma Acoustic Space Reference – Quando la mania di un guru sfocia nella follia…

  • Senza spiegare nulla, invito tutti quelli che hanno netflix a guardare la docu serie “100 humans” stagione 1 episodio 5, “Dolore o Piacere?” la parte con la stanza della tortura e dopo quella con la macchina che rilassa, non parla di cose audio ma spiega perfettamente i meccanismi che fanno “suonare meglio” gli amplificatori se ci sono pietre, pietrine, cavi pitonati, mattonelle accordate, lingotti d’oro, scatolette di schumann e altre cose simili.

  • Grazie per averla presa con ironia. Mi ha fatto ridere per un bel po. Il cubetto e il ponte poi …???. In realtà ci sarebbe poco da ridere. Queste porcate vengono fatte a suon di migliaia di euro, spesso con pagamento “solo cash” evadendo qualunque tassa, quando la gente onesta e competente che oltre ad avere sia arte che parte e dopo anni di studi e sperimentazioni si fa un gran mazzo per migliorare le cose e fa fatica ad arrivare a fine mese. È vergognoso vedere porcate simili e in giro ce ne sono purtroppo parecchie. Grazie per gli articoli e per la serietà e competenza. Un saluto. Fabrizio

  • LOL di quelle sostanze li ne era avido colui che ha prodotto cotale immondizia, dubito che sarebbe stato così generoso da offrirne 🙂

  • Ma… sicuro che il cubetto dentro non era un panetto.. Sai, col calore poi diffonde vapori essenziali :-DDD

  • Ciarlatani all’ennesima potenza, il loro metro di misura per giudicare se un’amplificatore funziona è “se non prende fuoco va bene” poi se fa schifo iniziano a vendere dietro piedini, conini, dischetti, mattonelle, cavi pitonati di stoffa per il 99% del loro peso, ovviamente valvole NOS costosissime. Mi sono dimenticato di dire che a questo amplificatore hanno tolto uno dei 4 piedini e messo in centro quello rimasto perchè i piedini devono essere sempre di numero dispari (se non l’avessi letto su internet in un forum di questi non ci avrei fatto caso).

  • Alla larga dai guru dell’hifi. Tra stupidaggini, luoghi comuni e vere e proprie truffe, dave mettono il naso fanno danni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.